Carbonia Iglesias

IN DOMO MEA DI AURELIO MELIS

Profilo

Una delle prospettive più tremende per gli anziani è quella di lasciare la propria casa e tutto ciò che è familiare, così è nata l'idea di creare un servizio che possa essere un riferimento della vita quotidiana della mia realtà locale, in modo da offrire servizi che aiutano gli anziani , a vivere nella loro casa il più a lungo possibile, le loro famiglie verrebbero sostenute in maniera costante, organizzata, professionale.
quindi l'apertura di una agenzia di assistenza domiciliare non medica e di accompagnamento per gli anziani per offrire servizi di assistenza alla persona disponibile 24 ore su 24, 365 giorni all'anno.
L'attuale offerta del mercato e rivolta soprattutto a persone non autosufficienti o che necessitano assistenza sanitaria specifica, la novità è quella dell'Assistenza su misura che va da poche ore alla settimana, a un'assistenza 24 ore su 24, l'anziano può essere in grado di vivere anche da solo nella sua casa, necessitando solo di alcuni servizi che non è in grado di svolgere autonomamente come essere accompagnato per visite mediche o semplicemente a fare la spesa, oppure qualche ora di compagnia per fare una passeggiata, per conversare, per giocare a carte; avere un aiuto per il pagamento delle utenze alle poste oppure una persona che lo accompagna a vedere un film o una commedia o uno spettacolo estivo all'aperto e si preoccupa di fare i biglietti, avere un'automobile, fare scendere l'anziano davanti all'ingresso e poi trovare un parcheggio. La novità sostanziale consiste nel creare una struttura snella che offre assistenza non medica non sanitaria, in una società che tende a medicalizzare atti o fasi della vita che non sono sanitari. La vecchiaia può dare difficoltà di movimento, imporre ritmiche più lente poco adatte a una società che invece obbliga a tempistiche ultra rapide: il supporto di una persona anche per poche ore al giorno o per certi periodi della settimana, aiuta l'anziano a sentirsi ancora valido, ne previene l'insorgenza di spunti depressivi e lascia liberi i posti nelle opportune strutture a coloro che hanno bisogno di assistenza medicalizzata o sanitaria in generale, contribuendo alla riduzione del costo che grava impropriamente sui servizi sanitari regionali.

Foto & Video

Torna su