La Spezia

LA PIA CENTENARIA

Profilo

E' nel 1887 che la Signora Pia apre uno “scragno” in Via del Prione per la vendita di farinata, di focaccia e castagnaccio; cibo per la “povera gente”: operai, manovali, carrettieri, artigiani. La Spezia in quegli anni ne era piena. Il banco “tira” e La Pia diventa il punto di riferimento di tanti spezzini. In fondo, con qualche centesimo, si poteva avere “'n toco de fugaza, na feta de faina' o na feta de patona”.

La Pia apre in un clima di grandi cambiamenti: La Spezia di fine Ottocento è una città nuova, che abbandona la sua fisionomia di piccolo centro di pescatori e diventa la "città dell'Arsenale", aprendosi a nuovi occupati, cittadini di tutta Italia. Nel primo dopoguerra La Pia inizia a sfornare la pizza, diventa un locale con servizio al tavolo e agli "arsenalotti", i suoi unici clienti fino ad allora, si aggiungono i cittadini della "Spezia bene".

Aperta mattino e pomeriggio fino a sera, per pranzi, cene o uno spuntino a metà giornata, la Pia nel 1998 ha aggiunto alla sede storica di via Magenta un altro punto vendita al Centro Kennedy, sempre a La Spezia, nel 2005 a Sarzana ed è del 2011 l'ultima nata nel porto Mirabello sempre a la Spezia.

Foto & Video

Torna su